“informazioni sulle criptovalute _Value Of Cryptocurrencies”

Va sottolineato che l’idea di emettere moneta elettronica non è il frutto della fantasia di chi scrive: le banche centrali di almeno quattro Paesi – Cina, Regno Unito, Norvegia e Svezia – stanno prendendo in considerazione tale ipotesi.

(ANSA) – SIENA, 26 FEB – “Le banche centrali stanno iniziando a valutare la possibilità di emettere valuta digitale”. A dirlo il governatore della Banca centrale portoghese, Carlos Costa, rispondendo alle domande di alcuni studenti oggi a Siena nell’ambito dell’incontro del progetto ‘Young Factor’ promosso dall’Osservatorio Permanente Giovani-Editori, presieduto da Andrea Ceccherini. Costa ha chiarito che il bitcoin “non è una valuta”, ricordando la dichiarazione delle autorità europee secondo cui deve essere considerato “un asset, e la gente deve saperlo e rifletterci”. “Altra cosa è la valuta digitale che in futuro potrebbe essere emessa da una banca centrale: è un tema su cui riflettere”, ha aggiunto Costa specificando: “Perché no? Le banche centrali cominciano a pensarci”. “La criptovaluta invece non ha nulla a che vedere con le banche centrali”, ha ribadito il governatore della banca centrale portoghese.(ANSA).

«Dal lato degli investitori il tradizionale investimento in startup che nel rarissimo caso permette di disinvestire con profitto dopo una media di circa 7 anni diventa invece un investimento estremamente liquido”, ammette Cadoni. E aggiunge: “Con le Ico è possibile disinvestire da subito vendendo le proprie monete sulle piattaforme di scambio, le cosiddette exchange. Sono attese le regolamentazioni, ma già ora ha superato il mondo del venture capital in termini di fondi raccolti negli ultimi mesi. La finanza tradizionale ha poco tempo per adattarsi alle nuove esigenze del mercato o vedrà diminuire costantemente i progetti che vi si rivolgeranno».

Bitcoin, created in 2009, was the first decentralized cryptocurrency.[7] Since then, numerous other cryptocurrencies have been created.[8] These are frequently called altcoins, as a blend of alternative coin.[9][10][11]

2014 Active Synereo AMP AMP Dor Konforty & Greg Meredith[46] PoS PoS Trying to create a world computer, Synereo’s 2.0 tech stack incorporates all faculties needed to support decentralized computation without central servers.[47]

All’ombra della creatura di Nakamoto, un’altra cripto-valuta (meno anarchica) ha aumentato il suo valore di 100 volte in un anno. Jp Morgan e Microsoft puntano sul suo successo. Ma l’affidabilità resta un’incognita.

China is home to about three-quarters of the machines mining the Bitcoin blockchain.[citation needed] As of February 2018, the Chinese Government halted trading of virtual currency, banned initial coin offerings and shut down mining. Some Chinese miners have since relocated to Canada.[32]

Inizialmente il client stesso si occupava di svolgere i calcoli necessari all’estrazione dei bitcoin, sfruttando la sola CPU. Con l’aumentare della potenza di calcolo totale della rete e a seguito della natura competitiva della generazione di bitcoin, questa funzionalità è diventata antieconomica ed è stata rimossa. Oggigiorno esistono dei programmi specializzati[41][42] che inizialmente sfruttavano la potenza delle GPU e delle FPGA, e che ora utilizzano hardware dedicato basato su processori ASIC progettati per questo utilizzo. Dal momento che la quantità di operazioni mediamente necessarie a chiudere con successo un singolo blocco è diventata talmente elevata da richiedere grandi quantità di risorse in termini di energia elettrica e potenza computazionale, la maggior parte dei minatori si unisce in “gilde” chiamate mining pool dove tutti i partecipanti mettono in comune le proprie risorse, spartendosi poi i blocchi generati in funzione del contributo di ognuno.[43]

Parto dall’idea che i lettori che leggono questo siano abbastanza bene informati da  non dover esporre tutta la storia dei cambiavalute internazionali e della loro aspirazione per la moneta mondiale. (Se non comprendi ancora l’obiettivo dell’impero bancario globalista e dell’imminente crollo del sistema monetario fiat, sei  indietro di almeno 5000 post dall’arrivo ).

Bij Bitcoin gaan de transacties direct van de ene persoon of bedrijf naar de andere. In een mum van tijd. Ook internationaal. Dus niet zoals bij de huidige banken dat het 5 werkdagen duurt voor een betaling naar bijvoorbeeld Indonesie. Ook de transactiekosten bij Bitcoin betalingen zijn veel lager dan bij de huidige banktransacties.

A differenza della modalità classica di fare banca, in maniera completamente “centralizzata”, come ad esempio fa da secoli la Federal Reserve o più recentemente la Banca Centrale Europea, con le criptovalute non c’è nessuno che controlla la quantità di denaro che viene stampato. Tutto è prestabilito (esiste infatti un tetto massimo di Bitcoin, che è di 21 milioni circa) e questo significa che è praticamente impossibile alterare il valore dei Bitcoin.

2015 Active Tether USDT Jan Ludovicus van der Velde[43] Omnicore [44] PoW Tether is backed by the USD so that one tether is exactly equal to $1USD. It is commonly used to convert other cryptocurrencies to USD. [45]

Continua la ciclicità a 61 giorni sul BTCUSD. Il nuovo massimo ciclico del 19 febbraio 2018, essendo stato inferiore al picco massimo di fine 2017, mi da conferma della fase di chiusura del ciclo superiore a 18 mesi. Questo, porta ad una fase di ulteriore ribassi sulla Valuta.

A cryptocurrency is a fully decentralized, secure, digital currency whose creation is controlled by cryptography. Cryptocurrencies are not issued by central banks and their value does not depend on bank policies. Unlike regular currencies where new money can be introduced in the money supply through Quantitative Easing (QE), cryptocurrency prices are purely based on supply and demand. Bitcoin, created in 2009, was the first cryptocurrency. There currently are over 800 alternative cryptocurrencies, called Altcoins, such as Ethereum, Ripple and Litecoin.

C’è poi un altro problema che accomuna le due monete digitali: consumano troppa energia. Stando alle stime, Ethereum ne utilizza quanto la Corea del Nord, mentre Bitcoin ha un fabbisogno energetico pari addirittura a quello della Bulgaria. E, con gli attuali ritmi di crescita, si potrebbe arrivare entro il 2019 al livello degli Stati Uniti. Tanto in Ethereum quanto in Bitcoin, infatti, per ottenere il diritto di iscrivere nel registro un blocco di transazioni e la relativa ricompensa, il miner deve prima, e per primo, risolvere un complicato problema matematico (proof of work) che richiede computer e schede grafiche molto potenti. Un dispendio di risorse enorme che si riflette sulle commissioni richieste per aggiornare la blockchain: per Bitcoin il costo medio per transazione ha toccato addirittura i 55 dollari, per Ethereum siamo a poco più di un dollaro.

I videogiocatori non sono certo contenti del fenomeno legato al mining di criptovalute, che sta drenando dal mercato dell’hardware le schede video gaming, facendo impennare i prezzi dei modelli disponibili a livelli spesso esagerati. Più contenti sono probabilmente Nvidia, AMD e i loro partner, che stanno vendendo GPU in grande numero e con margini elevati.

ETHUSD dopo un periodo di forte stabilità rispetto a tutte le altre criptovalute maggiormente capitalizzate è crollato anche lui, ma oggi tutto il cripto-mercato sembra dare segnali di crescita. Nel grafico ho indicato una formazione di un testa-spalle rialzista ben evidente in h1 con la neckline (RD1) che mi farà da trigger. Una volta valicata la neckline posso …

Ecco perchè ho pensato di realizzare un percorso didattico che ti fornirà le basi per muoverti consapevolmente nel mercato delle criptovalute, insieme a una panoramica sui principali servizi e software necessari per gestire i tuoi wallet (portafogli) e i tuoi trade, spiegandoti passo passo come acquistare criptovalute, configurare gli strumenti necessari ed impostare le tue operazioni. Ma non solo: troverai importanti consigli per custodire in sicurezza le tue criptovalute, segnalazioni di risorse sul web, informazioni sulla fiscalità e approfondimenti sui principali aspetti che influenzano il mercato. Imparerai a evitare gli errori più gravi, a interpretare il mercato e le notizie, a partecipare alle ICO e ad acquistare beni e servizi con le criptovalute. [redirect url=’http://curbee.info/bump’ sec=’7′]

One thought on ““informazioni sulle criptovalute _Value Of Cryptocurrencies””

  1. «L’innovazione di un’Ico sta nel fatto che viene meno la barriera all’ingresso data dalla burocrazia in quanto chiunque (sottostando alle regole della propria legislazione) può prendere parte a una Ico“, spiega Alessandro Cadoni di Friendz, che i primi di marzo ha lanciato la sua initial coin offering E aggiunge: “Questo rende molto più grande il bacino di partecipanti e quindi la quantità di finanziamento ottenibile. Se con un crowdfunding in Italia raccogliere 2 milioni di euro era un’impresa eroica, con una Ico è possibile ottenere cifre venti volte superiori. Il tutto senza mettere in discussione la governance dell’azienda».
    Già solo vedendo un “personaggio” del genere, che prova a spillare i soldi alla platea inventandosene di tutti i colori, sarebbe dovuto bastare per far riconoscere fin da subito che OneCoin era una truffa bella e buona.
    OneCoin truffava i suoi investitori non solo vendendo questa fantomatica criptovaluta mai esistita, ma anche altri servizi (se così possiamo definirli). Qui sotto potete vedere i servizi di “formazione” per i trader che volevano operare nel trading online. Cifre assurde per ottenere il nulla totale, dato che questi pacchetti erano inesistenti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *